venerdì 3 gennaio 2014

Questo blog non è una testata giornalistica

Ma la testata posso darvela comunque, se mi beccate in giornata no.
Dette le mie cazzate, vediamo di riordinare per benino le idee. Mi sono appena svegliata, oggi non lavoro perché in negozio non ci sono appuntamenti (cosa che ormai non è più un'eccezione alla regola), in sala c'è odore di tonno perché ho appena dato la pappa a Paco e Lazy e sto bevendo un bicchiere d'acqua (aspettando che mi venga voglia di preparare la moka per il caffè. sì, vecchia scuola, io.), stranamente (e probabilmente per poco) sola nella stanza.
Siamo nel 2014 da, quanti sono? Tre giorni? Sì. La cosa non mi emoziona particolarmente. L'unica cosa che davvero mi preme è che arrivi presto il 7 Gennaio, cosicché io possa cominciare seriamente a mettere in atto le decisioni che ho preso in questi mesi di apatia, rabbia e arrovellamento di neuroni. E abbandono di blog propri e altrui causa infinita rottura di coglioni.
Ma adesso basta con le scuse. Ho deciso (e non per seguire un'infinita lista di propositi per l'anno nuovo) di smetterla di farmi del male e di iniziare a fare quello che voglio davvero, senza paura che questo possa riflettersi su qualcun altro. E soprattutto senza paura delle conseguenze. Perché il mio problema è sempre stato lì. Se vado di là, magari poi succede che. Se però vado di qua, magari poi invece succede che. Ecco. Basta. Chissenestrafrega di quello che succederà se vado in una determinata direzione. Io comincio ad andarci, il resto si vedrà.
E questo è quanto.
Poi c'è il discorso del "che minchia vuoi fare nella vita". Certo, a ventisei anni suonati forse dovrei averlo già ampiamente deciso. E, in effetti, io quello che voglio fare lo so anche. E lo sapete anche voi. E poche persone ancora. Ma è anche vero che scrivere libri, finché non te li pubblicano, non ti fa pagare l'affitto. Però è anche vero che finché sono una precaria e faccio un lavoro che detesto, la mia mente non è abbastanza serena per potersi impegnare a fondo in ciò che vuole. Lo so, l'ho visto e l'ho sperimentato. Sono mesi che non scrivo un capitolo decente. Mesi che non ho idee per nuovi post. Mesi che mi chiudo in me stessa e mando a fanculo tutti, compreso chi proprio non se lo meriterebbe. Quindi, per arrivare al punto, ho intenzione di trovare un'alternativa valida per la mia sanità mentale. E per farlo, ho bisogno di impegnarmi come mai prima e smetterla di fare la fifona del cazzo.
E adesso, belli miei, visto che è da parecchio tempo che latito, vi lascio con una carrellata di immagini salienti di questo periodo, mentre Paco mi starnutisce addosso. Au revoir.

Il regalo di compleanno che la Patty ha fatto per me.
Filius, il randagione infreddolito che ora ha una cuccia calda nel mio box.
Influenza.
Rido.
Pranzi dalla Patty. E che pranzi, santa pazienza.
La mia prima volta col topinambur.

Lazy e il mascarpone.

Paco e la scatola.

Giornali seri (per chi l'avesse riconosciuto, l'ho comprato per farmi due risate con Patty.)

Rido.

Rido pesante.
Libri seri.

Cazzo vuoi?

Alla fine, Mr. Ade si è svegliato e mi ha preparato il caffè. A tutto c'è un perché, ricordatevelo sempre.Va bene, la smetto.

Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato





34 commenti:

  1. Guarda che tu puoi, eh.
    Basta ricordarselo.
    E me lo ripeto anche io da giorni. Sento di poter recuperare quell'atteggiamento positivo che tanto mi caratterizzava una volta. Essere serena comunque vadano le cose. Essere in pace con quello che ho e che c'è.
    Ti sbaciucchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. M'infilo per ingraziare Mareva: "Essere in pace con quello che ho e che c'è" Grazie ancora. Devo farne tesoro. Subito.

      Elimina
    2. Tutti dovremmo farne tesoro. Propongo di organizzare un laboratorio artistico di produzione santini a forma di Mareva con il das.
      Chi ci sta?
      Va bene, la smetto.
      Belli, voi. <3

      Elimina
  2. Oh voglio sapere tutto!
    Poi c'è il discorso del "che minchia vuoi fare nella vita": ma io, che minchia voglio fare nella vita? Boh. Dilemmi.
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, non ti ho ancora raccontato. Provvederò al più presto. <3

      Elimina
  3. Il topinambur lo AMO. Che buono che èèèè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. That's nice!! We love topinambur, yeah!

      Elimina
  4. ahahahAHAHAH

    i gatti erediteranno il mondo.
    si sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ridi ridi. Che io intanto non riesco più a commentare il tuo blog :(
      Non mi fa pubblicare i commenti :(
      Che, per caso mi hai bloccata??????? EH?????

      Elimina
  5. mhm.
    mhm
    mhm
    qui ci vuole un piano A.

    RispondiElimina
  6. mhm.
    mhm
    mhm
    qui ci vuole un piano A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che ci vuole un doppio piano..

      Elimina
    2. Mi sa che l'astinenza da spritz/spriz ti fa mmmale.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Io ce lo vedrei bene un gattino a casa. La mia Mrs no. Indovina chi vince?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vinciamo sempre noi, oviously. Indovina chi non voleva Paco e se l'è ritrovato ugualmente in casa? :)

      Elimina
  9. Grande, grandissima!!! E in qualche modo nel mio egocentrismo sono onorata che tutto ricominci dal mio compleanno XD
    E finalmente vedo Filius! Ha proprio l'aria del randagione.
    E un sacco delle tue foto mi hanno fatto morire. E tante altre mi hanno un po'commosso perché c'ero anch'io. La smetto prima di diventare melensa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei proprio un'egocentrica del kaiser. Ma io ti lovvo anche per questo ♥
      Aaaargh aaaargh devo smetterla di usare questo linguaggio fumettesco!! Potrei apparire poco seria!!
      Va bene, la smetto.

      Elimina
  10. Risposte
    1. e che si faccia presto!

      Elimina
    2. Vi abbraccerò con uno spritz in mano. No, scusate. Probabilmente è una cazzata.

      Elimina
  11. Qui urge la mia presenza in città per riunire il gruppo disagiati.

    RispondiElimina
  12. Troppo bello il tuo gatto che mangia il mascarpone :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? È monella ma è bellissima ♥

      Elimina
  13. Allora via con le basi per il 2014...

    RispondiElimina
  14. Mi piace quando ti lamenti e ti incazzi, sei la me che non faccio vedere.
    Spero tu possa realizzare i tuoi progetti o qualunque cosa tu voglia, non perché è iniziato il nuovo anno e bisogna porsi degli obiettivi ma perché è quello che desideri :)

    ps. Non sto commentando un tuo post perché anch'io ne ho scritto uno e desidero essere contraccambiata :D , ma perché aver scritto mi ha ricordato che era tanto che non passavo di qui e so che a perderci sono stata io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello leggerti :)
      Anch'io sto latitando un sacco ultimamente. Anzi, dovrei proprio passare da te.
      Però, comunque, è come se tu fossi sempre un po' con me, quando cucino (spessissimo), seguendo le tue ricette ♥

      Elimina
  15. Ma sai che prendere la decisione del "adesso basta" è una cosa difficilissima e, secondo me, dentro, impossibile?

    Gatti bellissimi...toglimi una curiosità, il randagio, quello bianco e nero, miagola tanto? (Voglio togliermi 'sta curiosità, ne ho avuti due, sotto casa, insieme ad altri, e quelli che miagolano di più sono quelli bianchi e neri)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è abbastanza miagolone! E, adesso che mi ci fai pensare, anche Paco (che è bianco e nero) miagola tantissimo. Mah.

      Elimina

Grazie per aver fatto finta di non avere niente di meglio da fare che commentare il mio post... vi lovvo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...