lunedì 23 dicembre 2013

Quando tuo padre si rompe una gamba

Tutto può diventare difficile e cristoddio.
Per cercare di riassumervi la pappardella in poche righe e senza farmi venire un'ischemia cerebrale, vi dirò questo: mio padre (aka Il Disturbatore, e il fatto che io gli abbia affibbiato codesto soprannome dovrebbe già essere un indizio per voi affezionati lettori) da circa otto mesi e per motivazioni che non ho nessuna voglia di spiegare perché per oggi di rotture di coglioni ne ho avute già abbastanza, vive a casa con me e Mr. Ade. Che scenetta felice, eh?
Se al miscuglio di scassamenti di cazzo, ci aggiungiamo che ci lavoro insieme (io e lui, lui ed io. la gioia della mia vita, proprio.) e che andiamo d'accordo per circa un quarto d'ora al giorno, poi ci urliamo dietro come nemmeno nella puntata più triste di Uomini e Donne, forse comincio a rendere l'idea.
Insomma. Circa un mese e mezzo fa, splat. Il mio caro papino (e smettetela di immaginarvelo come un adorabile vecchietto, perché non lo è. vi dico solo che porta i capelli biondi. e ci siamo spiegati.) ha ben deciso di spiattellarsi sull'asfalto con lo scooter e di rompersi una gamba. E qui ci ricolleghiamo all'allegro titolo di questo post. Ora, se anche non siete dei geni della matematica, l'operazione è piuttosto facile:
PADRE AKA IL DISTURBATORE + ADE + 24 ORE SU 24 INSIEME + GAMBA ROTTA = ?
Davvero volete che ve lo dica io? Non pensate che abbia già raggiunto il limite massimo di imprecazioni in queste sedici righe?
E niente. Tutto questo per giustificare la mia apatia, la mia totale assenza di stimoli, la mia assoluta non-voglia di scrivere, i miei tic nervosi, la diarrea a spruzzo e tutto il resto (sì, sto esagerando come al solito. mi spiace. in realtà no.). Il punto è che sono pervasa da un odio tale, che non sono più in grado di afferrarlo, spingerlo e incanalarlo nella direzione giusta, ovvero quella che mi permette di piazzare le mie stronzate qui, e farvi fare due risate. Inoltre non ho nemmeno più il tempo materiale per smollare il culo davanti al pc, un po' perché sono ESAUSTA, un po' perché ho SEMPRE qualcuno in mezzo alle palle. Cosa che, voi lo sapete, mi manda assolutamente FUORI DI TESTA. Come scopare in silenzio, per dirne un'altra.
E basta.
Buon natale, eh?
Stigrancazziproprio.

Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

16 commenti:

  1. Scopare in silenzio. Dà l'idea più di ogni altra cosa di quanto tu sia stata privata della libertà e della sanità mentale. Dire che mi spiace è poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Sapevo che tu più di tutti mi avresti capita. Non so perché.

      Elimina
  2. Non mi sono immaginata il vecchietto perchè mio padre è scassacazzo forse quanto il tuo, le uniche differenze sono 1. che non ci lavoro insieme (PERFORTUNACAZZO) e 2. tu ce l'hai dentro casa, io dentro casa non ce l'ho avuto quasi mai, nemmeno quando ero piccola.

    Posso solo augurarti che tuo padre si rimetta e si levi dalle palle prima possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro anch'io. Altro che auguri di natale.

      Elimina
  3. Vabbé dai, una convivenza forzata che prima o poi finirà... stringi i denti XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che finirà. Quando io chiamerò laggente del Bronx, tirero fuori il contante e darò loro le chiavi di casa.
      Oggi sono acidissima. Mamma mia. Quasi mi commuovo.

      Elimina
  4. condoglianze........ tieni duro (e in silenzio :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condoglianze è la parola giusta. Perfetta.

      Elimina
  5. Ora ti faccio ridere.
    ...........
    .......
    ....
    Io continuo a leggere mentalmente Il DISTRIBUTORE.
    Ma quanto sono scema?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No sai cos'è che mi fa un sacco ridere? Che.

      Elimina
    2. Non ho capito. :\ Il Che finale mi spiazza.

      Elimina
  6. Dura, durissima la convivenza con un genitore nell'età adulta... Darei di matto.
    Esprimo il mio cordoglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io ringrazio. :)
      Sto impazzendo, magari è la volta buona.

      Elimina
  7. Mamma mia!!... massima solidarietà a Mr.Ade che convive sereno (?!) assieme a 'sta miscela esplosiva... ;) Augurissimi!!!

    RispondiElimina
  8. come procede la convivenza? *__*
    buone feste cara ;)

    RispondiElimina

Grazie per aver fatto finta di non avere niente di meglio da fare che commentare il mio post... vi lovvo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...