giovedì 20 luglio 2017

Fotte sega

In questo periodo sono un po' così.
Ho finito la scuola e mi sento vuota. Avrei giurato che mi sarei sentita felice. In realtà non provo un cazzo. Forse non ho ancora veramente capito.

Che è successo? Chi? Parli con me?

Vabbè.

Luglio 2015. Saltellavo allegra per le strade, convinta che non ci fosse più speranza quindi tanto valeva sbattersene.
Luglio 2016. Stavo in ansia. Tiamonoforsenosentiscusanonloso.
Luglio 2017. Pensavo di poter essere me stessa e invece no. Ma poi chi sono io? Tutto si ribalta.

Un po' di pace, no? 

Vabbè.

La verità è che ci credevo, poi ho smesso, poi ho ricominciato, e adesso ho smesso di nuovo.

Ciao sono Ade e vaffanculo.

Comunque. Lo so che non ci state capendo un cazzo. Ma d'altronde se non capisco io non vedo perchè dovreste capire voi, vi pare?

Non so più come si fa a scrivere, credo. Ma almeno su questo punto non mi darò per vinta.

In realtà io non mi do mai per vinta. Però ci sono un sacco di cose che mi fanno incazzare e a volte vorrei davvero essere capace di darmi per vinta. E ciao.

La dura realtà credo sia che io sono una piccola testa di cazzo ingenua.

No, ma dai?

A volte sono davvero davvero convinta che le cose possano essere GIUSTE. Che la verità vinca. I buoni pure. L'amore per sempre esiste. Le persone che ti amano non ti mentono. Il profitto non è il primo pensiero dell'uomo. Le crudeltà un giorno finiranno. Il mondo tornerà ad essere bello. E cazzate cose così.

Mi viene in mente quella sera, io e te.

Sì, tu. Coglione.

Seduti in un bar a Granada, ubriachi, a discutere su quanto positivi siano la presenza dell'uomo sulla terra e il progresso.

Pensa alle cose buone che abbiamo fatto.

Sì, ma a che prezzo?

Pensa che, piano piano, alla fine miglioriamo.

Penso che se ci estingueremo, un giorno, ce lo saremo meritato.


Ecco. Quella sono io. Quella sono io oggi, ancora.
Io la odio la gente. Odio te. Odio tutte le cazzo di cose di cui pensiamo di non poter fare a meno e non capiamo che non servono a una sega. Odio chi non dice quello che pensa. Odio chi mente. Odio i superficiali. Odio gli stupidi.

Forse, scrivendo questo post, mi sto rendendo conto di quale sia il problema.

Ho ricominciato ad avere il tempo per pensare.

Però voglio guardare il lato positivo.

Ho ricominciato ad avere il tempo anche per scrivere.

Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato



mercoledì 12 luglio 2017

Ok, prima che io spacchi tutto

Qualcuno è in grado di spiegarmi perché questo fottuto blogger dimmerda non mi permette di rispondere ai vostri commenti, né di lasciarne sui blog altrui?!

No, voglio dire. Una rientra in regime di piena libertà dopo tre anni di clausura, dopo qualche giorno di shock finalmente si rende conto di poter ricominciare a svolgere attività utilissime come frequentare i blog, e blogger cheffa?! Mi rema contro?? Ma dico, scherziamo?!

Help me.
Please.
I'm going to destroy everything. EVERYTHING.

Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

lunedì 10 luglio 2017

The End

E niente.
E' tutto finito ma io non me ne sono ancora veramente accorta.
Sono ufficialmente una donna diplomata da ormai qualche giorno, con il massimo dei voti, of course.
Perché sia mai che io decida di fare una cosa e poi la faccia mediocremente, ci mancherebbe.
Questi tre anni sono stati una dura prova, una strada sempre in salita, e ora che ne sono uscita mi sento come un enorme vuoto nello stomaco.
Ora più che mai ho bisogno di dare un senso a tutto quanto. E' finito il tempo in cui me ne stavo seduta a guardare la vita che mi scorreva davanti, troppo impaurita per fare qualsiasi cosa.
Adesso so cosa posso fare.
Posso fare TUTTO.
Potrà sembrare banale ma per una come me, cresciuta con la convinzione di essere stupida e di doversi sempre accontentare di quello che arriva, questa lotta durata tre anni è stata la prova lampante, per me stessa in primis poi per il mondo, che SI SBAGLIAVANO.
Io come un carro armato ho distrutto tutto quello che avevo costruito perché l'avevo costruito su false certezze. E mi faceva schifo.
Troppo spesso ho subito l'ingiustizia dei pregiudizi, ancora più spesso ho lasciato che quell'ombra si abbattesse su di me e provasse a piegarmi, se non a spezzarmi.
E, ops, scusate. Sono ancora in piedi.
E' giunto il momento di imparare a GRATIFICARSI, mi ha detto qualcuno.
Credo di averlo imparato.

Non so quanto spesso tornerò qui.
Ho poche certezze e molte idee.
E sono felice.

Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

mercoledì 7 giugno 2017

Di Ade e di me

I muri sono stati abbattuti. I confini non esistono più.
Ade è me. Io sono Ade.

Questo mio percorso sta per concludersi. Ho imparato così tante cose di me, e di Ade. Così tante.
Così tante ne ho lasciate andare, anche.
Tra due settimane esatte darò il mio ultimo esame.
Chi sono diventata, nel frattempo?
E chi diventerò?

Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...