martedì 1 ottobre 2013

Don't cry for me, Barcelona.

Ebbene sì, l'Ade ha viaggiato. Chi non ci crede alzi la mano, che gliela amputo. Zac.
Allora. Vi avevo promesso un post da persona seria e voi ci avete anche creduto magari in cui scrivo cose varie tipo "ciao sono Ade, ho venticinque anni quasi ventisei, ho due gatti e sono appena tornata da Barcellona; oggi vi racconterò della mia prima giornata mioddio mi sto già annoiando da sola".
E niente. Prima di cominciare il mio farneticare, temo mi tocchi presentarvi l'allegra compagnia che ha preso parte all'evento. Signori e signore, ecco a voi le bellissime, stupende, fragranti, meravigliose old girls.

Le old girls.
Se qualcuno ha qualcosa da obiettare, mi dispiace.
Sono sicura che le vostre menti argute avranno già intuito la serietà e il livello intellettuale del viaggio di cui forse prima o poi vi racconterò, magari quando avrò finito di farmi distrarre dalle innumerevoli boiate che partorisce la mia mente malata. Oppure quando Il Disturbatore la finirà di rendermi partecipe di ogni notifica comparsa sul suo cellulare, fingendo di non capire che la mia espressione facciale non è frutto di un leggero mal di stomaco ma è puro e semplice fastidio.

"ma c'è scritto accetta e i termini e le condizioni..."
"mm mm"
"e devo accettare?"
"mm mm"
"e le notifiche push? le devo accettare?"
"mm mm"
"ma non sono pubblicità?"
Cristoddio adesso glielo faccio mangiare, quel telefono.

E niente. Dicevo? Ah, sì. Sono stata a Barcellona, pèppèrèppèppè. L'ho adorata fin dal primo istante quando, atterrati sul suolo catalano, ci siamo regalati un delizioso brodino acquoso caffè. Siccome avevamo fretta di cominciare a visitare la città, abbiamo fatto tre volte il giro dell'aeroporto per capire dove minchiazza fosse il treno che ci avrebbe portati nel cuore della città. Una volta trovato, abbiamo acquistato un simpatico carnet da 10 biglietti (9,80€ e permette di viaggiare su bus, metro e treni per qualcosa come un'ora e un quarto. noi con tre carnet abbiamo girato quattro giorni. eh? visto che so farlo anch'io?) e un allegro signore dal sorriso bricconcello ci ha spiegato che potevamo usarne uno in tre e che nessuno ci avrebbe fatto storie, come probabilmente sarebbe invece accaduto a Milano, dove gli impiegati atm sono talmente simpatici che il solo pensarci quasi mi commuove.

"stai facendo qualcosa di molto importante?"
"...."
"mi aiuti a capire come importare i contatti?"
Chi mi conosce sa che faccia ho in questo momento.

Dunque abbiamo preso questo treno, poi la metro (avete presente il caldo umido/asfissiante degli spogliatoi in piscina? ecco. la metro di Barcellona: uguale.) e finalmente siamo giunti a piazza di Spagna, vicino alla quale si trovava il nostro albergo. Passeggiando per la Gran Via, chiacchierando del più e del meno (oh ma ti ricordi le zecche sulla moquette dell'ostello a Londra?) e inebriandoci dei profumi fogneschi particolarmente presenti in quel tratto di strada, siamo arrivati all'Hotel Climent. Nonostante fossimo qualcosa come sette ore in anticipo rispetto al check in, la receptionist dai capelli rossi ci ha dato la chiave della nostra stanza (una tripla piccola, abbastanza pulita, una grande finestra con vista sul traffico della Gran Via, bagno da disinfettare ma cambio biancheria giornaliero. cosa che speravamo vivamente, visto che una delle mie due old girl aveva sapientemente usato alcuni asciugamani per pulire il pavimento). Comunque. Siccome avevamo fame siamo tre donne intrepide, ce ne siamo bellamente infischiate delle più o meno due ore di sonno a testa e siamo uscite alla scoperta della zona. Poco dopo, quando le saracinesche abbassate cominciavano a ridere di noi, una simpatica signora ci ha spiegato che "avui és un dia de festa nacional" e io, che prima di partire mi ero sparata tutta la guida national geographic, le faccio "aaaaaah! festa de la mercé!" e lei "sí, la patrona de Barcelona!" e io "e adesso dove minchia lo troviamo da mangiare?".
No, questo non l'ho detto. Anche perché poco più avanti c'era una specie di supermercato aperto (in giro ce ne sono a bizzeffe) dove abbiamo comprato probabilmente il peggior pasto di quei quattro giorni.
E niente. Adesso vi lascio con qualche foto della giornata, perché la sera merita indubbiamente un post a parte. Un'anticipazione? Una delle old stava per morire di crepacuore sulla ruota panoramica. Uno spasso, insomma.

Arc de triomf
Ciutadella
Sfilata de la Mercé
Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

17 commenti:

  1. Ma solo a me Barcellona non è piaciuta? E solo io non tollero gli spagnoli?
    Pare di sì :(

    Comunque attendo fremente il resto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo come non ti è piaciuta!!!!

      Elimina
  2. Barcellona città della vita. Bellissima sempre e comunque.

    RispondiElimina
  3. Le foto di sera che hai pubblicato su instagram sono davvero meravigliose.

    E io immagino la faccia tua alle domande del Distributore e rido. Molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io rido perché lo chiami Distributore ahahahahah :**

      Elimina
  4. Vibro.Senza accezione pornesca.
    Barcelona è la mia seconda città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque sei quasi caruccia co sti occhiali.

      Elimina
  5. Allora la puzza di fogna non era solo nella mia immaginazione!
    Però che figata beccare la festa, nonostante il cibo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima sera abbiamo mangiato in un posticino strabuono!

      Elimina
  6. Pure io sono stata a Barcellona. Volevo viverla in maniera diversa, non con una branca di amiche single che cercavano uomini ovunque, ma mi è piaciuta un sacco lo stesso. La prossima volta che ci torno, voglio guardarmi cose, musei e posti belli con tutta la calma del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu dovevi piantarle lì e girare da sola :)

      Elimina
  7. ci sono stato l'anno scorso sento ancora l'aria che si respira appena si arriva in questa magica città!

    RispondiElimina
  8. Non vedo l'ora di leggere "le prossime puntate"!!! Mi piace motto come scrivi :)
    Se ti va, passa a fare un giro da me...Ciao!
    http://dollsfashiontravels.blogspot.it.

    RispondiElimina
  9. momento momento, con 10 biglietti si riesce a girare in lungo e in largo per 4gg? mi stai dicendo questo? **

    RispondiElimina

Grazie per aver fatto finta di non avere niente di meglio da fare che commentare il mio post... vi lovvo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...