venerdì 17 maggio 2013

Al mio ritmo

Di pensiero, se solo riuscissi a fermarli uno per uno, potrei scrivere un post ogni tre minuti, circa. Ma non ce la faccio mai. Sono caotici, loro. Frettolosi. Ingarbugliati. Tendenti al masochismo, a volte. E carichi di responsabilità, spesso. Anche se so che non dovrebbero. Allora provo a chiudere gli occhi e immaginare. Che è una cosa che mi è sempre riuscita bene. E mi vedo ballare. E ridere, anche. E poi scrivere e scrivere ancora. E tutto viene bene. Tutto è come dovrebbe essere.

E tu dove sei, oggi? Resti là fuori anche quando piove così? Insegui la gente, bagnandoti tutto ma sorridendo comunque, perché ti trovino simpatico? E sollevi quei cartoni con la tua forza, quella che piace tanto alle donne? E poi ringrazi, anche se non ti hanno dato nulla, ancora col sorriso. E abbassi un po' la testa, inclinandola di lato, saluti e torni al tuo posto, con la maglietta fradicia? Ma, dimmi. Cosa ti porta qui? Coraggio, ragazzo. Andiamo a prenderci un caffè. Raccontami di te. Dimmi se sei felice, nonostante tutto. Dimmi perché. Perché tu, così giovane e forte e simpatico e bello, non puoi avere qualcosa di meglio di questo. Cosa ti ha portato qui? E dimmi. Quando è ora di pranzo, dove vai? Ce l'hai qualcuno con cui parlare un po'? Qualcuno che mangi con te? È così triste mangiare da soli. E la sera, quando le porte si chiudono e la gente si sbatte in auto e corre a casa, cosa fai? Ce l'hai qualcuno che ti aspetti e che ti faccia dimenticare il dolore e la fatica? Qualcuno che ti faccia ridere? E dimmi, ragazzo. Dimmi perché. Infilati in un pensiero e raccontami. Raccontati. E non dimenticare niente. Soffermati su ogni particolare e sorseggia il tuo caffè, prima che diventi freddo. Piano. Abbiamo tutto il tempo del mondo. Tranquillo. Nessuna scatola da sollevare, né persone frettolose a cui piacere. Sediamoci. È morbido, qui.


Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

 

9 commenti:

  1. Se la mancanza del banale induce a questi pensieri..ben venga. Anche se io, penso che tu abbia un bel cervello di tuo. Ma questo non lo diciamo a l' egocentrico...:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shhhhh!! Non dire così che ci rimane male <3
      :**

      Elimina
  2. La parte in corsivo mi suggerisce qualcosa....

    RispondiElimina

Grazie per aver fatto finta di non avere niente di meglio da fare che commentare il mio post... vi lovvo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...