giovedì 16 maggio 2013

Ade e le manie di protagonismo

Ore 8.45. Milano. Autobus numero 61. Pieno, ovviamente.

Signora Simpatica (si rivolge a me e Mr Ade): Scendete?
Ade e Mr Ade (all'unisono): Sì.
SS (con tono palesemente scocciato): No! Sedete! Sedete ho chiesto!
E mi si struscia addosso per sedersi al posto che avevamo appena lasciato libero ma dal quale non riuscivamo ad allontanarci causa troppi culi presenti sull'automezzo.
Ade: Bastava avere un attimo di pazienza.
SS: Bastava spostarsi un po'.
Ade ingoia saliva. Le porte si aprono. Ade si volta verso la Signora Simpatica, le sorride e le augura buona giornata.
Mr Ade: Ma perché non l'hai mandata a fanculo?
Ade: Perché, vedi. Sarebbe stato troppo scontato. Invece così, oggi. Ogni volta che le andrà male qualcosa lei si ricorderà del mio sorriso e penserà "ma tu guarda quella stronza della 61 e il suo buona giornata di merda!".


Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

26 commenti:

  1. SS le si addice proprio come appellativo.
    Va bene anche per Signora Stronza, oppure SuperStronza e potrei andare avanti...oggi sono una fucina di insulti, grazie alle troiate di Parakula. Ma voglio fare la principessa e mi fermo.

    RispondiElimina
  2. hai usato l'arma finale. la supergentilezza.
    li stende proprio, li fa sentire meschini. e forse un po' li migliora, gli umani.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la supergentilezza sarcastica, però. :)

      Elimina
    2. ma certo, un vaffanculo di velluto foderato in seta.
      quello lì.

      Elimina
  3. Io ammiro sempre di più il tuo mix di sarcasmo e autocontrollo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure tu mi hai vista incazzata, sì? :D

      Elimina
  4. -Bastava avere un attimo di pazienza.
    -Bastava spostarsi un po'.

    Bastava farle lo sgambetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho pensato. Ma avevo la gamba schiacciata tra un sedile e le gambe di qualcun altro. Storie di Milano all'ora di punta. Eh. :)

      Elimina
  5. Ahahahahahaha! Le starai ancora più sulle palle, ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto sempre sulle palle a qualcuno. Non c'è problema. Ci sono abituata, ormai. Anzi. È quasi divertente.

      Elimina
  6. dovremmo destabilizzare tutti con la super gentilezza!!!

    RispondiElimina
  7. che poi mi chiedo sempre se la capiscano, la sottile ironia della cosa. che non è che proprio tutti tutti ci arrivano a capire, nella vita, eh...

    RispondiElimina
  8. ''No! Sedete! Sedete ho chiesto!'' ma che vuol dire? :O

    RispondiElimina

Grazie per aver fatto finta di non avere niente di meglio da fare che commentare il mio post... vi lovvo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...