martedì 16 aprile 2013

Il profumo delle foglie di limone


Dopo essere stata mesi in ballo con la trilogia grigia, nera & rossa, finalmente sono riuscita a passare ad altro. Ed è stato come liberarmi di un peso. Appena mi riprenderò, lo giuro. Dedicherò un post a cotanta impudenza letteraria (sono ironica. davvero.). Per il momento, no. Non ho voglia di pensarci. E mi sono presa una pausa sparandomi in neanche due giorni questo bellissimo romanzo di Clara Sanchez.

Julian è un uomo anziano. Un sopravvissuto con un numero tatuato su un braccio. Un numero che non vuole cancellare. Perché fa parte della sua vita. E lui non vuole dimenticare. Lui vuole vendicarsi. Per questo quando riceve una lettera da Salva, un suo vecchio compagno di prigionia, parte per la Spagna. Senza pensarci due volte. Quando arriva, però. Scopre che il suo amico è morto. Lasciandogli un compito molto importante: vendicarsi dei nazisti ancora in vita. Così Julian raccoglie le poche forze che gli sono rimaste e decide di esaurirle una volta per tutte, per raggiungere il suo scopo. Lo scopo della sua vita.
Sandra è praticamente una bambina. Una bambina che aspetta un bambino. Una bambina che si aspetta qualcosa, dalla vita. E quel qualcosa arriva una mattina, in spiaggia. Quando due anziani la soccorrono durante un malore e la accolgono nella loro casa colma di ricchezza. Facendo di lei la nipote che non hanno mai avuto.
C'è un filo sottile, che lega Julian e Sandra. Ed io mi ci sono attaccata. Succhiando avidamente tutta l'ntensità di questa storia. E, alla fine. Quando ormai avevo preso tutto quello che c'era da prendere. Ho sorriso.
Bellissimo.

Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

17 commenti:

  1. Io non comprendo il successo delle Cinquanta sfumature del cazzo. Poi l'ultimo...una noia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece riesco a comprenderlo. Poi ti spiegherò il perché. (comunque sì. l'ultimo due palle proprio)

      Elimina
  2. Molto bello questo romanzo. A modo suo dà speranza. Ed è tanta roba oggi come oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Sono molto soddisfatta di questa lettura.

      Elimina
  3. Ade quanto spendi di libri al mese? Voglio sapere il modo di acquistare libri senza svenarmiiiiiii :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti prendi un e-book, ti spiego. ;)

      Elimina
  4. l'avevo letto l'anno scorso e mi era piaciuto tantissimo!!

    RispondiElimina
  5. Letto. Bello bello. A suo modo una storia d'amore senza l' amore. E struggente. Si Ade, questo libro si che merita .senza troppe sfumature. Che manco me sogno di sfogliare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio vero. Una storia d'amore senza l'amore. Ci prendi sempre, tu. :*

      Elimina
  6. Ho sempre guardato questo libro con diffidenza, ma questa recensione mi ha molto colpita, lo leggerò sicuramente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) Sono sicura che ti piacerà.

      Elimina
  7. Ricordati di passarmelo!
    Pensa che dalla copertina e dal titolo ero convinta che fosse una qualche sdolcinata storia d'amore.

    RispondiElimina

Grazie per aver fatto finta di non avere niente di meglio da fare che commentare il mio post... vi lovvo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...