lunedì 3 dicembre 2012

Paco


Miagolava forte. Pioveva. E tutti gli passavano davanti, buttando giusto uno sguardo nella sua direzione.
Paco, strofinava il muso sulle mie gambe. Poi, con un balzo, eccolo sulle ginocchia che tremava. Chissà, forse sarebbe andato tutto bene. Questa volta.
Paco, sotto all'ombrello. Accovacciato su di me, che gli parlavo. E gli dicevo che presto tutto sarebbe cambiato. Che non avrebbe più fatto così freddo. Che non ci sarebbe più stato l'asfalto duro e umido a spezzargli le unghie. Che la vita non sarebbe più stata così difficile. Una pazza, insomma.
Paco. Le sue ferite. Quei dentini spezzati. E quelle cicatrici che forse un giorno potrà dimenticare di avere.
Paco. Annusa dappertutto. Esplora ogni angolo. E, piano piano, noi impariamo che a Paco piace:
Il suo tiragraffi di cartone.
Mangiare.
Il mio divano rosso.
Dormire in mezzo a noi.
Mangiare.
Miagolare per attirarsi le coccole.
Seguirci per tutta la casa.
La sua sabbietta.
Mangiare.
Fare le fusa.
Fare gli occhietti languidi.
Stare in braccio.
La mia ombra mentre faccio colazione.
La freccetta del mouse.
Mangiare.
Il mio divano rosso.
Rispondere con un miagolino quando gli dico qualche cosa.
Strofinare il muso sulle mani.
Farmi lo sgambetto.
Giocare con i pezzetti di crosta della pizza.
Mangiare.

P.S.
Grazie, gente. Per il vostro supporto tecnico.


Questo post è stato originariamente scritto su Swanza blog, da Ade. E' possibile copiarlo parzialmente o interamente e modificarlo, basta che il post originale venga linkato

27 commenti:

  1. PACO...dimmi che di cognome fa Rabanne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo lui è Paco Pachinho!

      Elimina
    2. Siete due idiote.
      Ma simpatiche.

      Elimina
  2. Hai scoperto quanto ha?
    Mi piace, assomiglia a zia Piperita con questa passione per il cibo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui tre/quattro anni, disse la veterinaria.
      Giappo?

      Elimina
  3. Fa molto Quark,sto post.
    Grazie. Ora so che nella prossima vita voglio essere il gatto di casa tua che non fa un cazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu fossi il mio gatto, ti prenderei a calci in culo. Sappiscilo.

      Elimina
  4. Sembra che si stia ambientando in fretta.
    Non deve aver subito grossi traumi, evidentemente.
    Vi divertirete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero. Anche se, a volte, quando allungo la mano per accarezzarlo, si tira indietro come se avesse paura. Penso sia stato picchiato. Gli mancano pure dei dentini. Povero ciccio.
      Comunque, sì. Ci divertiremo. Ci divertiamo già.

      Elimina
    2. Possibile. Però il fatto che dorma in mezzo a voi è un buon segno.

      Elimina
  5. Amoreeeee!!!!
    Tutti dovremmo adottare/salvare un gatto. Brava!!!!!

    RispondiElimina
  6. Paco mi piace molto.
    Alla grande!

    RispondiElimina
  7. Paco mi piace (certo non quanto Stephan... :P)
    chissà cosa ha passato... se potesse parlare probabilmente piangeremmo per la sua storia.
    ciao amata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stephan me l'hanno bocciato!
      Ciao bella mia!

      Elimina
  8. i gatti mi sono poco simpatici.
    ma questo è proprio carino!

    RispondiElimina
  9. l'ho visto subito che era lei.
    tutti quelli che passavano nemmeno vedevano. qualcuno giusto un'occhiata. poveracci.
    quando l'ho vista mi ha fatto subito tenerezza. era lei.
    e poi il modo in cui ha sobbalzato quando le sono saltato in grembo, e come mi parlava sotto l'ombrello. e come le tremavano le ginocchia, al punto che pareva fossi io a tremare.
    avrà avuto venticinque anni, che per l'età degli umani corrisponde a circa quattro anni, la mia età.
    è che sono stufo di lottare per un pezzo di pane, per la libertà. stufo degli acciacchi e delle cicatrici procurate contro rivali in amore.
    e quando ho deciso di prendermi un'umana ho subito saputo che l'avrei voluta come lei. dolce dentro e guerriera fuori.
    Coraggio, piccola, non dormirai più da sola con quel tizio, anche se si capisce che gli vuoi bene.
    ho cominciato a studiare il territorio, carino il divano, il tiragraffi non serve ma a volte fingo, che a lei piace tanto. e poi la coccolo, la chiamo con un verso e accorre e mi fa le feste e mi dà da mangiare. mi dà sempre da mangiare, che a me basterebbe anche molto meno, ma se non mangio sembra triste.
    poi quando mi parla le rispondo sempre. è così tenera.
    però adesso devo darle un nome.
    chi mi aiuta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono quasi commossa.
      Ti adoro.

      Elimina
    2. beh. io qui sono come paco. ci vengo.
      che ogni tanto mi arriva un buffetto o una crocchetta.

      Elimina
  10. Ma che meraviglia! Ti adoro ancora di più, hai un cuore d'oro.
    Come sta Paco, che per me rimarrà sempre Jenno?

    RispondiElimina
  11. Povero Paco stava meglio in mezzo alla strada... Pregherò per te. Ahahahahaaaa

    RispondiElimina

Grazie per aver fatto finta di non avere niente di meglio da fare che commentare il mio post... vi lovvo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...